XML Sitemap Generator

Crea la sitemap XML per il tuo sito web e migliora l'indicizzazione dei tuoi contenuti. Attraverso questo tool puoi generare la tua sitemap direttamente on-line (per un massimo di 100 pagine per sito). Una volta generata, preleva la sitemap e caricala sul tuo sito web.
Devi inserire la URL della tua home-page (non quella di una pagina interna).
Controllo di sicurezza (CAPTCHA)

← clicca con il mouse all'interno del quadrattino bianco e segui le semplici istruzioni a video.

Avvia scansione →

La mappa del sito

Quando si costruisce un sito web è bene assicurarsi che tutte le pagine che lo compongono siano raggiungibili da almeno un link. Questa regola, che può sembrare banale, a volte non viene rispettata: se nei siti di piccole dimensioni è molto probabile che tutte le pagine siano facilmente ed immediatamente raggiungibili (ad esempio mediante un menu di navigazione che le contiene tutte) viceversa nei siti più grandi (composti da centinaia o migliaia di file organizzati in più livelli di categorie e sotto-categorie) è possibile che alcune pagine non siano rinvenibili facilmente o addirittura non siano nemmeno linkate da altri documenti (a causa di una svista del webmaster o di un bug del CMS).

Il problema in questo caso è duplice: da un lato gli utenti faticheranno a trovare una pagina del nostro sito e dall'altro ci sarà il rischio che anche gli spider dei motori di ricerca finiscano per non indicizzare contenuti preziosi.

Si noti che questo problema di verifica tanto per i contenuti privi di link che per quelli linkati troppo in profondità (cioè all'interno di pagine molto distanti, in termini di click, dalla home-page del sito). Per porre rimedio a simili situazioni si ricorre, solitamente, ad una mappa del sito o sitemap.

Col temine sitemap, appunto, si indica un indice completo di tutte le pagine di un sito web. Questa mappa può essere realizzata sotto forma di semplice elenco di link (parliamo quindi di una comune pagina web) oppure mediante la compilazione di un file XML formattato secondo gli standard del protocollo sitemap definito da Google ed oggi supportato dai principali motori di ricerca.

Il protocollo sitemap

Come detto, onde evitare il rischio che alcuni contenuti non vengano indicizzati dai motori di ricerca, molti webmaster (soprattutto di siti di grandi dimensioni) ricorrono alla creazione di una sitemap XML che inviano periodicamente a Google e agli altri motori per "informarli" di tutti i contenuti disponibili all'interno dei loro siti.

Questo file XML deve contenere un elenco di URL e deve essere compilato seguendo standard ben precisi.

<?xml version="1.0"?>
<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">
    <url>
        <loc>http://www.miosito.ext/</loc>
        <lastmod>2014-03-29</lastmod>
        <changefreq>daily</changefreq>
        <priority>1.0</priority>
    </url>
    <url>
        <loc>http://www.miosito.ext/pagina.html</loc>
        <lastmod>2014-03-29</lastmod>
        <changefreq>daily</changefreq>
        <priority>0.5</priority>
    </url>
</urlset>

Come possiamo vedere nell'esempio poco sopra, per ogni pagina (contraddistinta da un nodo url) devono essere precisate alcune informazioni:

  • la URL della pagina (loc);
  • la data di ultima modifica della pagina (lastmod);
  • la frequenza con cui la pagina viene normalmente aggiornata (changefreq);
  • l'importanza della pagina nell'economia del sito visto nel suo complesso (priority).

Una volta compilata la sitemap XML con tutte le pagine del sito dovremo comunicarne l'esistenza agli spider. Per farlo è consigliabile aggiungere al nostro file robots.txt l'indicazione della URL cui si trova il nostro file:

Sitemap: http://www.miosito.ext/sitemap.xml

Utilizzando gli Strumenti per Webmaster di Google è possibile, inoltre, verificare la presenza di eventuali errori all'interno della sitemap e conoscere lo stato dell'indicizzazione delle pagine in essa inserite.

Per maggiori informazioni:


Altri tool interessanti

clicca qui